Allarme pacchi bomba: ce ne sarebbe un altro in circolazione

Proseguono le indagini degli investigatori per individuare le persone coinvolte nella spedizione del pacco bomba, rivendicato dalla Federazione Anarchica Informale (Fai), che è esploso ieri a Roma nella sede di Equitalia, ferendo il direttore generale dell’agenzia tributaria, Marco Cuccagna. Il dg è rimasto ferito al volto, a un occhio e alla mano, perdendo la falange di un dito. Resta massima anche l’attenzione per scongiurare i danni di un eventuale terzo pacco bomba, che era stato annunciato dagli stessi anarchici. È stata innalzata la vigilanza su banche e obiettivi sensibili riconducibili ad attività economiche, secondo quanto prevede una circolare inviata dal Dipartimento di pubblica sicurezza a prefetti e questori. Il pacco esplosivo era stato indirizzato e recapitato ieri allo stesso Cuccagna, che lo aveva aperto. Il contenuto della lettera di rivendicazione contenuta nel plico postale imbottito è simile a quello trovato solo due giorni prima, mercoledì scorso, in un altro pacco bomba recapitato in Germania, alla sede centrale di Francoforte della Deutsche Bank. In entrambi i casi i pacchi erano stati inviati da un ufficio postale di Milano. Ora si teme per la terza bomba della ‘Faì, che nella rivendicazione di tre giorni fa parlava di tre pacchi esplosivi spediti «contro banche e banchieri, zecche e sanguisughe».