Annamaria Cielo e “Il Cammino dell’amore”

di Eros OLIVOTTO

“Amarsi è come ospitarsi”, opera di prossima pubblicazione, rappresenta un’evoluzione nel viaggio e nella ricerca di Annamaria Cielo, autrice che, grazie all’ incessante lavoro sulla forma e, quindi, sui modi del dire, è approdata a un linguaggio capace di farsi evocativo e che, per quanto sorvegliato, mai risulta stucchevole o artificioso.

Basata sulla piena libertà del verso, benché spontaneamente compaia spesso una cadenza legata all’uso dell’endecasillabo, la scrittura di Annamaria Cielo è in grado di creare un ritmo affidato al puro fluire delle immagini, fondato cioè sulla loro forza visiva e concettuale.

Quanto Annamaria indica, in queste liriche, è un modo, un atteggiamento che, attraverso la riflessione, consenta di sentirci esseri in cammino, individui lontani da ogni tipo di certezza acquisita, che guardino alla verità come a qualcosa di non dato, qualcosa da conquistare passo dopo passo, giorno dopo giorno.

L’amore, uno dei temi centrali della raccolta, è inteso dall’autrice come il solo mezzo che, grazie alla coscienza, consente all’uomo di valicare gli angusti ambiti dell’ego e di ricollocarsi al proprio centro. Ma l’amore non è univoco; fine e strumento di ogni cosa, esso è volto in ogni direzione e non si conforma ad alcuna regola che non sia quella della sua necessità.

Attraverso l’amore è per noi possibile rimanere fedeli alla vita, quand’anche il suo peso ci opprima al punto di diventare insostenibile

L’insistito richiamo alla coscienza, anche nella sua componente inconscia, il rifiuto di considerare la logica come il solo strumento capace di collegarci al mistero degli altri e di noi stessi, la scelta della via analogica, l’uso di un linguaggio simbolico ed evocativo, a tratti rivelativo, il riconoscimento della parola come mezzo che conduce al significato; sono queste le caratteristiche fondamentali della poetica di Annamaria Cielo, gli aspetti che, a nostro parere, consentono di ascrivere, a pieno titolo, tale poetica nel variegato universo della poesia contemporanea.