Apple, 31 anni dopo: asta milionaria per certificato di nascita

Sono passati circa 31 anni da quando Apple ha fatto il suo ingresso in Borsa. Era esattamente il 12 dicembre del 1980 quando la casa di Cupertino fu quotata per la prima volta con un prezzo iniziale di 22 dollari ad azione. Oggi il loro valore è di circa 400 dollari e quest’anno l’azienda della mela morsicata è riuscita a superare per capitalizzazione anche Exxon.
Questo è anche il primo anniversario che sarà festeggiato senza Steve Jobs, una ricorrenza molto triste per coloro che amano e hanno amato questa azienda e tutti i suoi prodotti. Non molti sanno, però, che Apple venne fondata nell’aprile del 1976 da Steve Jobs, Steve Wozniak e Ronald Wayne. Il terzo socio decise però di uscirne subito ritenendo troppo rischioso il progetto.
Wayne ha dichiarato di non essersi pentito di quella scelta, anche se viene davvero difficile crederlo visto che oggi la sua quota avrebbe un valore di circa 36 miliardi di dollari.
Il contratto firmato da Jobs, Wozniak e Wayne è stato messo all’asta in questi giorni da Sotheby’s che si aspettava di venderlo per un prezzo finale di circa 150 mila dollari. Sorprendentemente alla fine è stato battuto per 1,6 milioni di dollari e ad aggiudicarselo è stato Eduardo Cisneros. La sua famiglia è una delle più ricche del Sud America e la Cisneros Corporation di cui è CEO è stata legata in passato a Apple perché nel 1984 ottenne la licenza per rappresentarla in Venezuela.