Manovra e stipendi parlamentari, Mura: “Confusione regna sovrana”

«Ogni volta che si parla degli stipendi dei parlamentari la confusione regna sovrana, purtroppo anche con il governo dei professori a quanto sembra». Lo dice Silvana Mura, dell’Idv. «Facciamo il punto allora. Questa mattina il governo ha presentato un emendamento che modifica l’art. 23 comma 7 della manovra. L’emendamento stabilisce che governo e Parlamento ognuno per le proprie competenze assumeranno immediate iniziative per realizzare gli obiettivi stabiliti all’art.1 comma 3 del decreto 98», prosegue la Mura. «Il riferimento dunque è al lavoro che deve essere svolto dalla commissione Giovannini. Pochi minuti fa, proprio Giovannini ha dichiarato a ‘Radio Anch’iò che il lavoro della sua commissione, ovvero quello di redigere una media ponderata a livello europeo del costo dei parlamentari, vale per la prossima legislatura», dice ancora la Mura. «Se a questo aggiungiamo le dichiarazioni di ieri di Fini e Schifani sulla volontà delle rispettive Camere di procedere alla riduzione delle indennità, a questo punto è più che mai necessaria un’interpretazione autentica per capire quale sarà l’esito finale di tutta questa vicenda. La risposta da dare in fondo è semplice: le indennità si riducono o no e quando?», conclude l’esponente di Idv.