Rednoze, il nebulizzatore che inganna l’alcol test è una campagna contro l’alcol

“Spruzza un po’ Rednoze e non risulterai più ubriaco”. E’ lo slogan di  un prodotto che promette miracoli, ovvero l’abbattimento istantaneo del tasso alcolemico. O meglio, il valore risulterebbe pari a zero alla prova etilometro. Il prodotto è pubblicizzato su internet con un video (a fondo articolo) che vorrebbe testimoniare la buona riuscita dell’esperimento.

Questo è il testo di accompagnamento al filmato: “Rednoze viene provato in anteprima all’uscita di una discoteca. Il risultato? Da 0,89 gr/l a 0,00 gr/l con una semplice nebulizzata di Rednoze nel cavo orale. Non ci credete? Fate una prova”.Sotto il video c’è un link che rimanda al sito ufficiale di Rednoze.

Sulla home page appare questa scritta: Hai bevuto troppo e sei oltre il livello consentito dalla legge di 0,5 gr/l? Da oggi proteggere la tua privacy non sarà più un problema. Rednoze è il primo medicinale studiato per controllare e abbattere il livello di tossine di etanolo contenute nei polmoni, con effetto immediato e sicuro. Rednoze non ha bisogno di prescrizione medica. La soluzione tuttavia rappresenta comunque un pericolo per chi si mette alla guida e per chi può incrociare questi ubriachi al volante. Abbassare il tasso alcolemico all’etilometro non vuol dire abbassarlo nel proprio sangue.

 

LA BUFALA – Per quanti speravano potesse esistere un simile prodotto è bene sapere che si è trattato di una campagna di sensibilizzazione per l’abuso di alcol e per la sicurezza stradale promossa dal Movimento delle Associazioni di Volontariato Italiano (Mo.D.A.V.I.). Nel giro di pochissimo tempo, sono state molte le persone che si sono dimostrate interessate all’acquisto del RedNoze e che hanno quindi compilato il modulo presente sul sito web.

Tutto questo è servito a fini statistici: il 91% di chi ha inviato il modulo digitale è di sesso maschile, e il 67% ha dichiarato di non essere stato sottoposto ad alcun alcol test negli ultimi 3 mesi. Il dato curioso è che ben il 50% degli interessati afferma di voler ordinare il RedNoze per poterlo regalare. Come già avevamo affermato, il video pubblicato sulla pagina web aveva l’aspetto del contenuto ‘virale’, e infatti così è stato. Molti siti specializzati ne hanno dato notizia, con atteggiamenti che variavano dallo sdegno, alla curiosità e all’ironia. Purtroppo però occorre ricordare che l’alcol è la prima causa di morte per i giovani al di sotto dei 24 anni, e più di 30.000 persone restano vittime ogni anno per cause legate all’abuso di alcolici. È importante che si crei la giusta mentalità: se si beve non si guida! Ci sono riusciti in tutti i paesi nordici, dove il consumo di birra è alle stelle ma è estremamente comune vedere giovani di 18-20 anni che all’uscita dalle discoteche scelgono di salire su un taxi invece di mettersi al volante.

 

ECCO IL TEST  


ED ECCO IL VIDEO DI SPIEGAZIONE DEL FUNZIONAMENTO